Il servizio sociale in comune

IMG_2201Eccolo: è arrivato!!! Dopo averlo tanto desiderato, dopo averci tanto lavorato, è venuto alla luce: il primo libro italiano dedicato al servizio sociale comunale!

Due anni fa scrivevo il mio stupore di fronte al fatto che non esistesse ancora un testo espressamente dedicato all’assistente sociale comunale, nonostante Continua a leggere

Come fare un ricorso per l’amministratore di sostegno

noun_54854_ccL’amministratore di sostegno: un istituto di protezione giuridica sempre più diffuso, richiesto da molte famiglie e servizi. Sappiamo che l’Amministratore di Sostegno (AdS) è una persona nominata da Giudice tutelare con il compito di assistere il beneficiario che, a causa di un’infermità o menomazione fisica o psichica, si trova nell’impossibilità – anche temporanea – di provvedere ai propri interessi (legge 6/2004). Ma come fare per richiedere l’amministratore di sostegno*?   Continua a leggere

Perchè la famiglia maltrattante non chiede aiuto

noun_304442_ccPerché i genitori che maltrattano non te lo dicono? neanche per chiedere aiuto o per dividere il peso della loro fatica di essere genitori? perché non provano a rivolgersi all’insegnante, all’amico, all’assistente sociale? Continua a leggere

Forme di coabitazione solidale

Se il lavoro sociale è tessere nodi in un tessuto sociale sfilacciato, allora quale esempio migliore di questi progetti che intrecciano i fili delle storie personali? Accogliere persone con problemi psichiatrici, oppure sole, o semplicemente studenti fuori sede. Ecco qua.

Continua a leggere

L’approccio capacitante nella cura e nella relazione con anziani fragili

Non poteva passare un anno senza che scrivessi un post… e allora eccone uno, scritto da altri, ma che avrei voluto scrivere io: L’approccio capacitante nella cura e nella relazione con anziani fragili.

(Poi a giugno scoprirete a quale altro genere di scrittura mi sono dedicata in questi mesi…)

Dalla scuola al servizio sociale

scuola-servizio-socialeSi sa, la scuola è un canale privilegiato per rilevare il disagio dei bambini e dei ragazzi. Ma quand’è che il disagio è tale da dover essere comunicato al servizio sociale? E come parlarne? Esistono buone prassi di comunicazione? E quando invece c’è l’obbligo di rivolgersi all’autorità giudiziaria? Continua a leggere

News / gennaio-febbraio ’15

info-sociali

Quali le novità nel sociale dei primi due mesi dell’anno? Il nuovo ISEE e i primi ricorsi al TAR, le comunicazioni dell’INPS in materia di assegni e invalidità, la social card, i rapporti sulla povertà, i documenti sulla tutela minori… Queste e altre le notizie pubblicate sulla pagina fb di saperesociale e qui sotto sintetizzate. Continua a leggere